Apr 15, 2016 - apprendimento    No Comments

Nuove Barbie, ma le bambole, non bastano!

Sembra una Barbie è la battuta che spesso si “sussurra” tra donne quando una è troppo perfettina …

download (14)Non è facile sentirsi soddisfatti del proprio corpo quando si opera un confronto con i modelli imperanti. Questi modelli, quasi sempre inaccessibili, possono diventare, punti di riferimento in base ai quali giudicare il proprio valore. Per molte persone l’approvazione sociale è considerata una priorità e di conseguenza, soddisfare gli standard dominanti è il primo obiettivo da raggiungere per poter piacere a sé ed agli altri. La filosofia della vita diventa, in questo modo, l’estetica del corpo. Essere magri/alti ecc.  equivale a valere come persone!

Si può affermare che l’immagine corporea sia legata all’universo emozionale, alle relazioni con bergonzoni-chirurgia-eticale figure significative del contesto, insomma, alla storia di ciascuno. Il nucleo centrale dell’immagine corporea è quindi composto da elementi cognitivi ed affettivi in interazione tra loro, non è pertanto una struttura fissa, ma si sviluppa nell’ arco della vita.

L’analisi di questo tipo di rappresentazione, è un quesito squisitamente psicologico, ed implica lo studio della situazione emotiva del soggetto, dei suoi ricordi e dei suoi progetti.

imagehandler-kRiH--680x450@LaStampa.itLa Mattel, Per mettersi al passo coi tempi, ha deciso di mettere in vendita una bambola diversa, più in linea con quella che è la realtà, nel tentativo di farsi portavoce di una società multietnica e di un concetto di bellezza in costante evoluzione. Le nuove Barbie, più realistiche: alte, basse, magre, formose, bionde o brune, possono essere un buon messaggio e aiutare nel processo di accettazione del proprio corpo.

Il cambiamento è lodevole, fino ad ora Barbie si poneva come modello inarrivabile ma, il cambiamento della bambola, è ben poca cosa se paragonato  a certiinsegnamenti!

Le bambole da sole non bastano, bisognerebbe che noi “adulti” , per primi, evitassimo di  identificare le persone attraverso certe caratteristiche,”Tizio, quello stecchino! o Caia, quella buddona! o Sempronio quello strabico!”ecc., modi di apostrofare molto comuni che i bambini non possono far altro che interiorizzare!

E’ un primo passo per migliorare la qualità dei nostri insegnamenti.

Nel frattempo aspettiamo che anche Ken, si metta al passo con i tempi…images (20)

 

 

 

Se si desiderano maggiori informazioni, suggerire argomenti da trattare, o una consulenza mirata:

callDr.ssa Carla Piras

3248497238

cpstudio3@virgilio.it

Questo Blog ha come fine quello di favorire la riflessione su temi di natura psicologica. Le informazioni fornite hanno carattere generale e non sono da intendersi come sostitutive di regolare consulenza professionale. Le mail saranno protette dal più stretto riserbo e non verranno pubblicate.

 

Nuove Barbie, ma le bambole, non bastano!ultima modifica: 2016-04-15T11:06:06+00:00da carla-p
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento